Mivado su Instagram

© 2018 Mivado - Ilaria Giacomello

Normandia e Bretagna: consigli per un tour di 5 giorni

 

Mivado in Normandia!

 

Per tanto tempo ho sottovalutato la Normandia, ma dopo esserci stata ne sono rimasta estremamente entusiasta.

5 giorni sono sufficienti per farsi un bel giro. Ecco qualche consiglio su posti da vedere e dove mangiare.

 

Arrivo a Paris Beauvais, vi consiglio di noleggiare una macchina per girare (non troppo grande perche molte strade sono strette)

 

DAY1

Rouen prima tappa: a circa 1 ora e mezza da Beauvais, come primo stop vi consiglio Rouen, una cittadina medievale piena di chiese e luoghi storici. Ci potete stare benissimo un paio d'ore, si puo girare a piedi lasciando la macchina in uno dei parcheggi in citta'.

Da non perdere: Cattedrale di Notre Dame nella piazza principale da vedere sia dentro che fuori, Abbazia di Saint Ouen molto suggestiva perche circondata da un giardino dal quale si possono fare belle foto, Chiesa di Giovanna d'Arco costruita nella piazza dove e' stata bruciata viva; li vicino alla chiesa c'e la piazza del mercato molto caratteristica, dal quale si prende la via de Gros Horloge dove sembra di essere a Diagon Alley (nei film di Harry Potter).

 

Super consiglio: per vedere una viuzza suggestiva andate in Rue Eau de Robec... poi mi dite!

 

 

Per pranzo a Rouen vi consiglio un paio di posti: la Cornaelle, e' un posticino dove fanno delle gallettes meravigliose, non potete andare in Normandia e non mangiare le gallettes, sono come delle crepe ma fatte con il grano saraceno, quindi piu leggere e friabili (io ho mangiato quella con il salmone); accompagnate la gallette con un bicchiere di sidro del posto! Altrimenti se volete un posto piu carino e romantico potete andare alla Petite auberge dove potete gustare ottimi piatti di pesce.

 

 

Etretat seconda tappa: da Rouen potete procedere per un altra oretta abbondante e arrivare in questo paesino meraviglioso famoso per le scogliere. Parcheggiate e andate verso l'oceano, qui vedrete due scogliere maestose una a destra e una sinistra. Se avete tempo salite su entrambe altrimenti andate su quella di destra che e' piu suggestiva. Ci vuole poco a salire a piedi e poi godetevi la vista da sopra... le Falaise sono meravigliose e sono quelle che si vedono nei famosi dipinti di Monet.

 

Honfleur terza tappa: dista solo un'oretta scarsa da Etretat, quindi abbastanza comodo. E un piccolo paesino di mare con un porto molto caratteristico, se avete la possibilita' sostate e dormite in una delle chambre d'hotes del paese. Non posso consigliarvi, perche quella in cui avevo prenotato (bellissima), mi ha bidonato per overbooking purtroppo. Pero' se andate su booking ne trovate un sacco.

Fate una passeggiata nel porto e come consiglio per cena ci sono: la Gambetta, le Petit Mareyeur o l'Endroit (ma prenotate prima perche sono sempre pieni). Essendo un posto di mare sono buonissimi tutti i molluschi e crostacei.

 

DAY2

 

Spiagge dello Sbarco: se andate in Normandia non potete non passare per le spiagge dello sbarco, sono suggestive e una volta che ci sei provi un sacco di emozioni e ti vengono i brividi se pensi a tutto quello che e' successo. Vi consiglio questo giro: partite dalle spiagge di Juno e Gold beach (che sono anche le piu spoglie), poi dirigetevi verso Arromanches e visitate sia la spiagga e il paese e sia la collina in alto per vedere il panorama. In mezzo all'oceano potete vedere le vecchie basi per i ponti dello sbarco. Da brividi.

Infine andate verso Omaha beach, dove potete vedere il memoriale costruito in mezzo alla spiaggia. Da qui potete vedere sia il museo e sia dirigervi verso il cimitero americano. Da non perdere: una miriade di croci bianche su una distesa di prato verde. L'immagine del ricordo, dei sacrifici e della guerra.

 

 

Se volete dormire qui vicino vi consiglio di alloggiare allo Chateaux d'Asniers (guardate l immagine qui sopra): un vero castello del 700 posto in un parco enorme, adibito a bed and breakfast. E' magnifico e i proprietari sono davvero molto gentili.

 

DAY3

 

Mont Saint Michel: un'altra destinazione da non perdere e' sicuramente Mont Saint Michel. Dedicateci almeno meta' giornata per ammirare sia l interno che l'esterno. Prima di andare vi consiglio di guardare nel sito gli orari delle maree, se andate almeno 2 ore prima dell'alta marea potete ammirare questo fenomeno dalla terrazza ovest dell'abbazia.

Una volta arrivati al grande parcheggio potete farvi una camminata di 15minuti oppure prendere la navetta che vi porta proprio sotto l entrata. Quando entrate non potete non farvi il giro nell'Abbazia (anche senza guida va benissimo): e' molto suggestiva e il panorama visto dall'alto e' unico (per sfuggire ai turisti evitate le ore di punta)

Per pranzo potete prendervi qualcosa di veloce ai bar che ci sono nella Grande Roue: uno vale l'altro sono tutti abbastanza turistici, non vale la pena spendere troppo, meglio prendervi un panino o una crepe al volo.

 

Super consiglio: per fare delle foto di Mont Saint Michel da lontano vi consiglio di farle sia dal giardino di fronte (che molto spesso e' fiorito), oppure dai paesi vicini come la Roche Torin a Courtils, Grouin du Sud a Vains-Saint-Léonard e Gué de l’Epine a Val-Saint-Père.

 

 

 

DAY4

 

Da Mont Saint Michel potete decidere di farvi un giorno in Bretagna (dista solo un'oretta). Ecco cosa vi consilgio di vedere li vicino

 

Dinard: piccolo paesino sull'oceano dove si mangia un'ottimo pesce. Andate all'Abri de Flots e mangiate l'aragosta, una favola! 

Da qui potete prendere un battello che in soli 10 minuti vi porta a Saint Malo, citta' murata famosa per i pirati, per il pesce e per il burro.

 

Saint Malo: qui potete camminare lungo le mura per fare qualche foto dall'alto, poi pero' scendete nella citta' che ci sono un sacco di vie carine dove potete inoltrarvi. Provate i dolci tipici bretoni, pieni di burro ma molto buoni! e poi se vi fermate a mangiare vi consiglio pesce, sopratutto molluschi.

 

Per dormire vi consiglio una chambre d'hots a soli 10minuti da Dinard: La Demeure aux Hortensias, piccola carina molto pulita e profumata!

 

DAY5

 

Di ritorno dalla Bretagna all'aeroporto vi consiglio di sostare in due paesi

 

Giverny: paese dove e' vissuto Monet gli ultimi anni della sua vita. Qui oltre alla sua casa c'e il giardino bellissimo che lui dipingeva nei suoi quadri con il famoso ponte giapponese e laghetto delle ninfee. Non perdetevi la visita qui.

 

 

 

Chantilly: a pochi chilometri dall'aeroporto di Beauvais c'e questo piccolo paesino famoso sia per la crema chanitlly che dovete provare e sia per il suo castello fiabesco da vedere sia all'esterno che all'interno. Come posti per provare la crema chantilly vi consiglio le Boudoir,  un bar/pasticceria dove fanno dei dolci favolosi (prendete la gauffre con la crema, uno spettacolo).

 

E termina qui il nostro viaggio in Normandia e Bretagna, come vedete molto vario ma al tempo stesso emozionante e suggestivo!

Per qualsiasi consiglio sono qui!

 

 

Ogni viaggio e' un esperienza da amare e condividere

 

Mivado e voi?

 

 

 

 

 

 

Please reload

Cosa ne pensi?
Ti potrebbe piacere anche...

Pranzo a base di pesce da Brutti di Mare a Milano

11.11.2019

Dove fare un brunch a Roma

08.11.2019

Dove fare il brunch a Milano? Ecco 10 posti!

07.11.2019

Cosa fare a Milano a novembre: ecco 11 eventi per questo mese

31.10.2019

1/2
Please reload