• Selene Piazza

Una giornata sul Lago di Como: cosa vedere a Bellagio e Varenna

Mivado sul Lago di Como


Il Lago di Como è da sempre una delle mete turistiche lombarde privilegiate da italiani e stranieri perché è caratterizzato da panorami mozzafiato, borghi incantevoli e una buonissima cucina a base di pesce di lago.


Se hai scelto di fare una gita proprio sulle rive di questo lago, ti consiglio questo itinerario di un giorno tra Bellagio, Varenna e Fiumelatte.


Come arrivarci


Il Lago di Como è ben collegato con la maggior parte delle grandi città del Nord Italia. È possibile raggiungere Como, Lecco e Varenna in treno e da lì prendere un autobus o un traghetto per raggiungere gli altri paesini che si affacciano sul lago. Io sono stata sul lago di Como subito dopo la fine del lockdown, quindi ho raggiunto Varenna in auto e ho parcheggiato proprio accanto alla partenza dei traghetti. Proprio a proposito di traghetti, ti segnalo che l'accesso al traghetto è consentito solo a chi indossa mascherina e guanti monouso. Noi purtroppo avevamo solo la mascherina, ma per fortuna, grazie a questo inconveniente, abbiamo scoperto NaturalMente, un piccolo localino che offre prodotti locali. Abbiamo comprato dei buonissimi biscotti fatti a mano per stuzzicare durante la nostra gita e i gentilissimi proprietari ci hanno regalato dei guanti monouso per salire sul traghetto in sicurezza. Se volete risparmiare sul pranzo, da NaturalMente potete scegliere tra tanti panini, anche vegetariani o vegani.



Cosa vedere e dove mangiare a Bellagio


Recuperati i guanti, ci siamo imbarcati sul traghetto per Bellagio. Se visiti questo paesino in estate, ti consiglio di passeggiare sul lungolago che si trova a destra dell'imbarco e che arriva fino ai Giardini di Villa Melzi. Qui potrai ammirare dei bellissimi fiori e scattare foto molto instagrammabili.



Torna poi verso il centro di Bellagio e perditi tra i suoi bellissimi vicoli ricchi di bar, ristoranti e negozietti. Raggiungi Piazza della Chiesa per visitare la Basilica di San Giacomo, una chiesa in stile romanico costruita tra il XI e il XII secolo.



Un luogo imperdibile a Bellagio è la Punta Spartivento, ovvero il punto in cui il lago si divide nei due rami di Como e Lecco. Non l'ho trovato particolarmente instagrammabile, tuttavia, oltre al molo, si può trovare un piccolo parco con panchine dove riposare all'ombra degli alberi o dove fare un picnic. Per chi invece vuole assaggiare la tipica cucina a base di pesce di lago, consiglio il bistrot ristorante Antichi Sapori. Noi abbiamo provato l'antipasto di lago, la pasta fresca con missoltini e pomodori e il lavarello grigliato.



Cosa vedere a Varenna


Il pomeriggio della nostra gita sul lago l'abbiamo dedicato alla visita di Varenna. Anche in questo caso, ti consiglio di vagare a zonzo tra i suoi vicoli per ammirare degli scorci davvero suggestivi. Raggiungi Piazza San Giorgio per visitare la Chiesa di San Giovanni Battista e la Chiesa di San Giorgio.



Un'altra tappa molto romantica è la Passeggiata degli innamorati, un breve percorso pedonale che collega l'imbarcadero al centro di Varenna.


Purtroppo, a causa delle restrizioni legate al Covid, non ho potuto visitare il Castello di Vezio, Villa Monastero e Villa Cipressi, tre luoghi davvero magici.


Per i più sportivi, da Varenna passa il Sentiero del Viandante, un trekking molto suggestivo da cui ammirare panorami mozzafiato.


Una piccola sosta a Fiumelatte


Fiumelatte è una frazione di Varenna ed è raggiungibile sia a piedi che in auto. Vicino all'Hosteria del Platano parte un brevissimo trekking per arrivare alla sorgente del Fiumelatte, l'immissario più breve del Lago di Como. Pensa che il suo corso è lungo solo 250m! Il percorso è molto semplice e dalla sorgente si può ammirare il Lago di Como dall'alto.



Spesso pensiamo che per viaggiare sia necessario fare molta strada o andare all'estero, quando invece la bellezza si trova anche dietro casa. Ecco perché in estate, una gita sul lago di Como non può mancare.


Mi vado e tu?

Mivado su Instagram

© 2018 Mivado - Ilaria Giacomello